Parlamento dei Giovani svizzeri all'estero (PGSE)

In una serie di interviste, swissinfo.ch ha dato la parola agli 13 membri eletti del comitato:

 

 

Davide Wüthrich

Davide Wüthrich

Italia/Svizzera

 

Le condizioni per indire votazioni sono troppo facili: pur apprezzando la democrazia diretta elvetica, il 27enne dottorando in ingegneria mette in guardia contro i rischi di una banalizzazione dei diritti popolari.

Leggete tutto l'articolo su swissinfo.ch

 

 

 

Davide Wüthrich

Laura Derrer

Cile

 

Il popolo che può votare su nuovi articoli costituzionali: La diciannovenne, studentessa di diritto è affascinata da questa proposta di ampliare i diritti politici in Cile, il suo Paese d’adozione.

Leggete tutto l'articolo su swissinfo.ch

 

 

Marie Lingl

Marie Lingl

Francia

 

La democrazia diretta può essere un modo per i giovani di farsi ascoltare: ne è convinta la liceale 17enne.

Leggete tutto l'articolo su swissinfo.ch

 

 

 

Wanja Kaufmann

Wanja Kaufmann

Svezia

 

I governi dovrebbero fare uno sforzo per raggiungere le giovani generazioni, che utilizzano internet e social media per svolgere un ruolo attivo nella democrazia, dice la 19enne studentessa di lingue e scienze politiche.

Leggete tutto l'articolo su swissinfo.ch

 

 

Francisca Espinoza

Francisca Espinoza

Cile

 

Nella democrazia diretta, i cittadini hanno maggiori possibilità di vedere le loro idee incluse nell'agenda politica, dice la studentessa di 17 anni.

Leggete tutto l'articolo su swissinfo.ch

 

 

 

Lis Zandberg

Lis Zandberg

Paesi Bassi

 

La 19enne studentessa di storia teme che la mancanza d’interesse dei cittadini per le votazioni e le elezioni scalfisca le fondamenta del sistema politico svizzero.

Leggete tutto l'articolo su swissinfo.ch

 

 

Timothy Forman

Timothy Forman

Repubblica Ceca

 

È difficile motivare i giovani a partecipare alla politica nella Repubblica Ceca: molti di loro vorrebbero poter votare online, afferma il 17enne studente di Praga.

Leggete tutto l'articolo su swissinfo.ch

 

 

 

Samuel Cremieux

Samuel Cremieux

Stati Uniti d'America

 

Per proteggere l'Europa dal terrorismo, occorre limitare la libertà individuale, sostiene lo studente 16enne di New York, secondo il quale, si tratta di un sacrificio necessario per il bene dei cittadini.

Leggete tutto l'articolo su swissinfo.ch

 

 

Najib Bourkhis

Najib Bourkhis

Tunisia

 

La democrazia prevarrà sulla minaccia del terrorismo, afferma il ventenne, un giovane cittadino elvetico che vive Djerba, in Tunisia.

Leggete tutto l'articolo su swissinfo.ch

 

 

 

Michael Valente

Michael Valente

Canada

 

Il Canada dovrebbe introdurre un sistema di voto simile a quello svizzero, dice il diciassettenne elvetico-canadese di Toronto.

Leggete tutto l'articolo su swissinfo.ch

 

 

Ryan Cooper

Ryan Cooper

Australia

 

Questo studente di 19 anni, che vive a Perth, vuole incoraggiare i club svizzeri in Australia a una maggiore apertura nei confronti dei giovani.

Leggete tutto l'articolo su swissinfo.ch

 

Ulteriori membri del comitato del Parlamento dei Giovani svizzeri all'estero sono:

 

 

Edoardo Trebbi

Italia

 

 

Guido D'Auria

Italia/Svizzera

 

 

 

 

 

 

 

Contatti ed informazioni relativi al nuovo Parlamento dei Giovani svizzeri all'estero:

 

 

 

La fondazione del Parlamento dei Giovani svizzeri all'estero è stato sostenuto dalla Divisione Gioventù dell'Organizzazione degli svizzeri all'estero. Tuttavia, il Parlamento dei giovani è una comunità indipendente ed è indipendente dell'Organizzazione degli Svizzeri all'estero.

 

 


 

ASO

 
 

Pubblicità

 
Switzerland TourismswissinfoSwisscareSwiss Travel SystemTertianum La PostaPro Patria